Come monitorare gli hashtag della tua campagna con strumenti gratuiti

24

LUGLIO, 2018

Hashtag
Monitoraggio
Campagna

Nel marketing è fondamentale una buona analisi della campagna in corso per verificarne l’andamento, il successo o il fallimento e imparare cosa ripetere e cosa no.

Questo è un ottimo modo per rafforzare una strategia sui social media. Come effettuare questa analisi? Ci sono vari sistemi per farlo, ma quello su cui ci concentreremo in questo articolo è l’utilizzo di un hashtag dedicato per la campagna: ti sarà utile per tracciarne i risultati. Esistono metodi di monitoraggio hashtag a pagamento e gratuiti e, sebbene i primi rendano il processo meno laborioso, i secondi sono quelli di cui parleremo più approfonditamente perché alla portata di tutti.

Scegli lo strumento per il monitoraggio

In questo caso, il nostro primo consiglio è, come sempre, quello di testare e sperimentare il più possibile.

Solo così la tua scelta sarà accurata e lo strumento adatto alle tue esigenze.

Scegli gli hashtag da seguire

Una volta scelto lo strumento di monitoraggio, è il momento di decidere se seguire un hashtag generico per il tuo brand o un hashtag per una campagna specifica.

Può esserti utile stilare una lista in cui annotare gli hashtag che ti servono per restare aggiornato. Fondamentale è eseguire un audit iniziale per evitare di perdere tempo in un’attività dispersiva.

Per quanto tempo monitorare gli hashtag?

Forse ti sembrerà scontato, ma impostare un documento di tracciamento hashtag è imprescindibile per radunare in modo sensato i dati raccolti.

In base allo strumento scelto in precedenza e alle metriche di tuo interesse, puoi far sì che il monitoraggio registri ciò che per te è utile tracciare.

Ovviare a questo problema è abbastanza semplice: ti sarà sufficiente utilizzare dei promemoria che ti ricordino di salvare i dati tracciati ogni sette giorni dall’attivazione dello strumento scelto.

Il documento di tracciamento

Forse ti sembrerà scontato, ma impostare un documento di tracciamento hashtag è imprescindibile per radunare in modo sensato i dati raccolti.

Per esempio il numero di post in cui viene adoperato l’hashtag, le impression ad esso legate in un determinato periodo di tempo e altro.

Via al monitoraggio!

Ora che hai le istruzioni iniziali, possiamo passare all’elenco dei 5 strumenti di monitoraggio hashtag.

Ricerca Twitter

Il primo strumento che ti consiglio è la ricerca nativa di Twitter. Si tratta infatti di un buon punto di partenza per tracciare un hashtag, soprattutto se si utilizzano i parametri di ricerca avanzati di Twitter.

Nota negativa di questo sistema: la quantificazione dei risultati deve essere eseguita manualmente, perciò armati di pazienza e inizia a contare i tweet!

Keyhole

Keyhole, nell’elenco che ci stiamo accingendo a proporti, è l’unico strumento che non ti chiederà di accedere al loro servizio per ottenere le statistiche dell’hashtag scelto.

Oltre a questo (che non è poco in quanto a comodità) ti permette di condurre una ricerca hashtag e ricevere un report dettagliato sui tuoi criteri di ricerca.

Se ti piacciono i grafici, lo amerai.

Keyhole analizza la condivisione di post, gli hashtag e tutte le parole chiave correlate, e molto altro ancora.

Come se non fosse già abbastanza, sappi che tiene anche traccia dei post su Instagram.

Tweetreach

Tweetreach è un ottimo strumento ma, sfortunatamente, l’analisi gratuita (chiamata anche “istantanea” all’interno di questo sistema) terrà conto soltanto dell’attività degli ultimi 100 tweet che hanno inserito l’hashtag seguito e, di conseguenza, i dati acquisiti saranno relativi a questo numero limitato.

Tweet Binder

Il penultimo strumento che vogliamo proporti è Tweet Binder.

Una sua peculiarità è quella di suddividere i tweet in base al tipo, comprendendo tweet di testo, tweet con immagini, risposte o retweet.

Anche in questo caso abbiamo una limitazione, trattandosi di una piattaforma gratuita, cioè un’analisi fino a 2.000 tweet e solo negli ultimi 7 giorni.

AgoraPulse

L’ultimo strumento che voglio suggerirti non è gratuito, e si tratta di AgoraPulse: è ottimo per monitorare gli hashtag e tenere traccia dell’interazione con le persone che ne utilizzano uno specifico.

Questo servizio non ti mostrerà le impression, in compenso però evidenzierà il numero di post che hanno utilizzato l’hashtag specificato all’interno della messaggistica.

Fonte: ninjamarketing.it

Condividi! 🙂

Prima di continuare ti chiedo questo piccolo favore. A te non costa nulla e migliorerà la visibilità di questo post.

Ti può interessare?

Cerchi curiosità meno recenti?

Ti piace il mio lavoro? Seguimi!

0102030506

Contattami

Sei interessato al mio lavoro?
Che aspetti, conosciamoci!

4 + 15 =

Sono un Designer con più di 10 anni di esperienza nel campo della Comunicazione Multimediale, ma soprattutto sono un inguaribile curioso.

Grafica e Comunicazione | Tarquinia - Viterbo - Lazio - Italia

Send this to a friend