La tecnica del Panning spiegata in semplici passaggi.
22
MAGGIO, 2018
Fotografia
Panning
Tecnica

Il panning è una tecnica fotografica che consiste nel catturare l’immagine di un soggetto seguendone il movimento in modo tale da rendere sfuocato lo sfondo (tecnicamente sarebbe più corretto dire “mosso”), ma catturare il soggetto perfettamente a fuoco (come nell’esempio fotografico qui sotto).

Se dal punto di vista teorico sembra una cosa molto semplice da fare, in realtà ci vuole molta pratica per padroneggiare questa tecnica.

Di seguito vi porto alcuni suggerimenti utili ed interessanti per affrontare lo studio e sperimentazione di questa tecnica.

Ridotta velocità di scatto

Questo è probabilmente l’aspetto più importante da tenere a mente quando vuoi cimentarti a fare del panning.

L’obiettivo è quello di assecondare per pochi attimi il movimento del soggetto pertanto è necessario utilizzare una velocità di scatto ridotta.

Definire una velocità di scatto idonea è difficile perché dipende da quanto “velocemente” si sposta il soggetto; fondamentalmente più lento è il soggetto in movimento e minore deve essere la velocità di scatto. Per cominciare puoi testare usando un tempo di scatto da 1/50 di secondo a 1/10 di secondo, che dovrebbe essere sufficiente per ottenere i primi risultati.

Apertura diaframma ridotta

Se hai fatto un corso di fotografia sei già al corrente del fatto che usando un’apertura ridotta del diaframma hai una maggiore area di messa a fuoco, ottenendo immagini più definite.

Nella tecnica del panning serve proprio questo!

Usando la modalità di scatto Priorità Diaframma (Av/A) e chiudendo il diaframma ottieni due risultati: il primo consiste nella automatica e conseguente riduzione della velocità di scatto. Il secondo consiste nell’ottenere un effetto mosso dai contorni più definiti, creando così un intenso senso di movimento.

Usare focali più lunghe

Il panning puoi farlo con qualsiasi obiettivo. Tuttavia ti risulterà più semplice ottenere risultati se utilizzi un obiettivo con focali più lunghe. Una focale più lunga corrisponde ad un ingrandimento maggiore.

Di conseguenza ti basta fare movimenti più brevi per ottenere degli effetti di movimento. Inoltre, la distorsione minore data da questo tipo di obiettivi rende lo sfondo più uniforme, privo di sbavature e di conseguenza più gradevole alla vista.

Panning e stabilizzatore non vanno d’accordo

Non è necessario disporre di uno stabilizzatore d’immagine per effettuare del panning, tuttavia molti obiettivi hanno delle funzioni specifiche per settarlo appositamente in modo da essere ottimizzato per questo tipo di tecnica fotografica.

Leggi con attenzione il manuale d’uso del tuo obiettivo per capire se dispone di questa particolarità.

Se il tuo obiettivo dispone solo della modalità di stabilizzazione standard allora ti consiglio di disattivarlo.

Modalità di scatto

La tecnica è meno semplice di quello che sembra. Il mio consiglio è di impostare la fotocamera sulla modalità di scatto a raffica in modo che tu possa realizzare 2–3 scatti del soggetto in movimento in modo da selezionare lo scatto migliore.

La questione non è essere bravi o meno bravi, la scena si volge così velocemente che non è possibile rendersi conto se la composizione è valida o meno; lo scatto a raffica non è una giustificazione ma una necessità.

Seguire il soggetto

Per padroneggiare la tecnica e maturare l’esperienza sufficiente su come seguire il soggetto in movimento nel modo corretto ci vuole molta pratica e costanza, e su questo non potrai avere compromessi. Tuttavia, ci sono delle tecniche possono renderti la vita più facile. Uno di questi è quello di impostare la messa a fuoco della tua fotocamera su punto singolo (suggerisco quello centrale) per poi allinearlo con un punto di riferimento sul soggetto in movimento.

Nella pratica… segui col punto centrale di messa a fuoco un elemento del soggetto in movimento (un fanale ad esempio) e cerchi di mantenerli allineati per qualche secondo avviando lo scatto a raffica.

Questo ti dovrebbe dare molte più chance per ottenere il risultato voluto.

Inquadratura ampia

Quando vuoi fare del panning il mio suggerimento è quello di mantenere un’inquadratura un po’ più ampia rispetto al soggetto principale.

Questo dovrebbe darti una mano per ottenere più facilmente il risultato. Successivamente, in post-produzione, effettuerai un ritaglio (crop) per eliminare le parti inutili e che distraggono.

Posizione parallela

Una cosa che a molti sfugge quando tentano di realizzare del panning è la necessità di essere paralleli al soggetto in movimento che vuoi fotografare.

Se non studi la scena per metterti nel posto giusto e finisci per non essere parallelo al soggetto in movimento, ottieni un panning dove il soggetto sarà anch’esso sfuocato e mosso in molti punti. Questo è uno dei principali errori che viene fatto.

Pratica

Questo suggerimento dovrebbe essere ovvio, ma è giusto ricordartelo. Come qualsiasi altra abilità, richiede molta pratica. Forse anche più di altre tecniche. Se non sai da dove cominciare beh… comincia col sederti su una panchina lungo una strada, sono quasi sempre perfettamente parallele al senso di marcia degli automezzi.

Trovandoti in un’area pubblica puoi fotografare senza alcun problema (ricorda però di far attenzione a come userai/pubblicherai le foto per questioni di privacy).

Detto questo non resta che augurarti buon divertimento

Fonte: tecnicafotografica.net

Condividi! 🙂

Prima di continuare ti chiedo questo piccolo favore. A te non costa nulla e migliorerà la visibilità di questo post.

Ti può interessare?

Cerchi curiosità meno recenti?

Ti piace il mio lavoro? Seguimi!

0102030506

Contattami

Sei interessato al mio lavoro?
Che aspetti, conosciamoci!

8 + 5 =

Sono un Designer con più di 10 anni di esperienza nel campo della Comunicazione Multimediale, ma soprattutto sono un inguaribile curioso.

Grafica e Comunicazione | Tarquinia - Viterbo - Lazio - Italia

Send this to a friend