3 buone pratiche per migliorare il web design del tuo sito aziendale
17
LUGLIO, 2018
Comunicazione Web
Web Design
Buone Pratiche

Quante pagine ha il tuo sito? Che siano tre o trenta, sono queste a raccontare la storia e i valori della tua azienda, nella misura in cui hai scelto di comunicare sul web. Per farlo efficacemente, dovrai in ogni caso applicare i principi del web design.

Bastano descrizione e indirizzo del tuo negozio? Hai anche riassunto la storia della tua attività? Aggiunto un elenco dei prodotti/servizi offerti? Li hai resi acquistabili online? Presenti ultime novità con una sezione news?

Web Design: prima di cominciare, pianifica

Tutte le informazioni e le azioni che rendi disponibili agli utenti hanno in comune un buon impatto grafico e la capacità di veicolare il traffico verso le conversioni che vuoi realizzare, come ad esempio la vendita o la raccolta di contatti.

Si tratta dunque di costruire percorsi gradevoli e funzionali, strutturando gli elementi di modo che le peculiarità di ciascuno diano valore all’intero progetto. Come? Rivolgendosi ad un professionista che sappia realizzare un sito dal design coerente con il tuo brand, caratterizzato da una user experience che fornisca valore al cliente e lo porti a compiere l’azione che desideri.

Non aver paura, implementa

Pare banale, ma molti siti web sono basati su scelte arbitrarie o contingenti.

Alla base di una buona pianificazione c’è (o almeno dovrebbe esserci) la corretta comunicazione tra il proprietario del sito e i professionisti del web design. Il primo dovrebbe riuscire a presentare delle necessità, separandole dalle soluzioni che spesso appaiono indissolubilmente legate ad un problema, l’unica via per ottenere un certo risultato.

Non è così. Ingaggiare un professionista significa prima di tutto riporre la propria fiducia in un know how tecnico imprescindibile per realizzare un sito Internet che comunichi efficacemente.

Non si tratta di gusti, ma di principi di design e usabilità applicati ad un caso specifico.

Ci saranno certamente delle indicazioni soggettive presentate durante il brief iniziale, che tuttavia dovranno cedere il passo, qualora le esigenze di coerenza, usabilità ed accessibilità lo chiederanno.

Il cliente di una web agency o di un freelance dovrebbe piuttosto preoccuparsi di rimanere aggiornato con l’andamento del processo, verificando che le milestone siano rispettate.

Concentrati sulla tua storia, racconta

Dove invece puoi e devi concentrare le tue energie è invece nel fornire un quadro esaustivo delle tue esigenze e del background aziendale alle spalle del sito.

Nessuno conosce la tua azienda meglio di te (vero?) e per questo solo tu puoi fornire il materiale sul quale i copywriter, prima di tutti, lavoreranno per creare una narrazione convincente attraverso i contenuti del sito.

Come in un’opera lirica, le informazioni dovranno scorrere sintetiche, puntuali e fluenti, toccando le corde emotive e razionali degli utenti dall’overture fino al grande finale, la conversione.

Il sito web è l’unico vero spazio digitale proprietario a tua disposizione, rendilo capace di fornire un’esperienza di valore con un design orientato alla user experience.

Fonte: ninjamarketing.it

Condividi! 🙂

Prima di continuare ti chiedo questo piccolo favore. A te non costa nulla e migliorerà la visibilità di questo post.

Ti può interessare?

Cerchi curiosità meno recenti?

Ti piace il mio lavoro? Seguimi!

0102030506

Contattami

Sei interessato al mio lavoro?
Che aspetti, conosciamoci!

8 + 8 =

Sono un Designer con più di 10 anni di esperienza nel campo della Comunicazione Multimediale, ma soprattutto sono un inguaribile curioso.

Grafica e Comunicazione | Tarquinia - Viterbo - Lazio - Italia

Send this to a friend